RIP: load balancing e integrazione delle rotte statiche

Il load balancing (bilanciamento del carico) è il concetto che i router seguono per bilanciare il carico (traffico) in molteplici best path. Questi percorsi sono calcolati dinamicamente dal RIP e tale protocollo permette di indirizzare il traffico fino a un massimo di 6 best path utilizzati attraverso un meccanismo detto round robin. Tale meccanismo è ciclico, ovvero il router invierà il maniera ciclica il traffico sulle diverse interfacce su cui vi è un best path senza però tener conto della banda che vi si trova su ognuna di tali interfacce (il RIP non fa distinzioni sull’invio di pacchetti su un percorso PSTN a 56kbps o su una ATM a 155Mbps, calcola il best path tenendo in considerazione solamente il numero di hop da superare prima di arrivare a destinazione).
Le rotte con metrica uguale possono essere individuate usando il comando show ip route seguito dall’indirizzo della rete. Es.:

Router#show ip route 192.168.10.0

Per modificare il numero massimo di path bisogna digitare, in router configuration mode, il comando:

Router(config-router)#maximum-paths {number}

Parliamo adesso delle rotte statiche e al possibile utilizzo a fianco del RIP. La rotte statiche forzano l’instradamento dei pacchetti da una sorgente a una destinazione. Sono spesso utilizzate per definire una default route e, quindi, instradare un pacchetto anche quando la rete non è presente nella routing table.
Un router che usa RIP può ricevere una default route tramite update da un altro router che usa anch’esso RIP; un’altra opzione è che il router auto generi la sua default route.

Le rotte statiche hanno, ovviamente, prelazione su quelle dinamiche in virtù di una distanza amministrativa decisamente minore (per eliminare le default route basta digitare il comando no ip route in global configuration mode). Per ovviare a ciò basta impostare alla rotta statica una distanza amministrativa maggiore di quella del routing dinamico utilizzato. Così facendo si possono impostare rotte di backup nel caso in cui il processo di RIP non vada a buon fine.

Le rotte statiche saranno annunciate con gli update del RIP e propagate per tutta la rete: questo perché le rotte statiche sono contenute nella routing table ed il router non distingue tra rotte statiche e dinamiche. Quando un’interfaccia diviene indisponibile tutte le rotte statiche che la utilizzavano vengono rimosse dalla routing table. Quando il software non riesce più trovare un next-hop valido per l’indirizzo specificato nella static route, allora la rotte statica viene eliminata.

Tags: , , , , , , , ,

This entry was posted on martedì, novembre 23rd, 2010 at 19:38 and is filed under Networking. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.